Dal primo gennaio 2011 sarà più caro soggiornare a Roma. L’amministrazione comunale ha infatti introdotto una tassa di soggiorno, corrispondente a 3 euro a notte per gli hotel di Roma di 4 e 5 stelle, 2 euro per le categorie inferiori (b&b compresi) e 1 euro per i campeggi. Esclusi invece dall’ordinanza gli ostelli. La tassa si applica anche in altre situazioni, come nel caso degli stabilimenti balneari, dei bus turistici o delle escursioni in battello.
Grazie a questo balzello il Comune avrà un introito supplementare di 80 milioni di euro, da reinvestire in servizi alla città.

Foto: Affari Italiani